L'industria delle criptovalute accoglie con cautela l'accordo sulle nuove regole antiriciclaggio dell'UE

Gli NFT, la DeFi e gli strumenti Privacy potrebbero essere fuori legge, ma per le aziende Cripto , i requisiti per i controlli dei clienti potrebbero essere più severi che per le banche, hanno detto a CoinDesk gli osservatori Politiche .

AccessTimeIconJan 19, 2024 at 9:00 a.m. UTC
Updated Apr 10, 2024 at 12:36 p.m. UTC
  • Il Parlamento Europeo e il Consiglio UE hanno raggiunto un accordo provvisorio su un pacchetto normativo antiriciclaggio che si applica alle criptovalute.
  • Il quadro concordato prevede l'obbligo per le società di criptovaluta di eseguire la due diligence della clientela su transazioni pari o superiori a 1.000 euro.
  • Sebbene il settore sia ampiamente soddisfatto del risultato del quadro normativo, alcuni ritengono che potrebbe non essere così giusto come previsto dai politici.
  • Digital Assets Are 'More Sensitive' to Interest Rate Hikes: Expert
    13:37
    Digital Assets Are 'More Sensitive' to Interest Rate Hikes: Expert
  • Could Solana's SOL Hit $200 by Month End?
    00:43
    Could Solana's SOL Hit $200 by Month End?
  • Genesis Set to Return $3B to Creditors; Craig Wright Lied to UK Court 'Extensively': Judge
    01:58
    Genesis Set to Return $3B to Creditors; Craig Wright Lied to UK Court 'Extensively': Judge
  • Metaverse Lets Users 'Defy Gravity': VBG Founder
    00:56
    Metaverse Lets Users 'Defy Gravity': VBG Founder
  • Gli operatori del settore delle criptovalute temono che le nuove norme antiriciclaggio concordate dai politici dell'Unione Europea siano più rigorose delle misure applicate alle istituzioni finanziarie più tradizionali.

    Questa settimana i politici dell'UE hanno raggiunto un accordo su un quadro normativo antiriciclaggio completo, che include requisiti rigorosi per le società crittografiche.

    In base alle disposizioni concordate, i fornitori di servizi dovranno rispettare rigorosi requisiti di verifica dei clienti, nonché adottare misure per mitigare i rischi delle transazioni che coinvolgono portafogli self-hosted e trasferimenti transfrontalieri.

    Sebbene l'obiettivo dichiarato fosse quello di livellare il campo di gioco applicando le stesse regole per le aziende crittografiche e le banche, alcuni nel settore temono che l'insistenza dei politici sul fatto che le società di asset digitali siano soggette agli stessi controlli antiriciclaggio di altre istituzioni finanziarie potrebbe essere un po' luce sulla verità.

    "Nonostante le dichiarazioni entusiastiche dei colegislatori sulla stampa riguardo questo accordo, non è stata creata una parità di condizioni, poiché le soglie per [i fornitori di servizi di criptovaluta] e altri istituti finanziari non sono uguali", ha affermato Robert Kopitsch, segretario- generale presso il gruppo di difesa del settore Blockchain for Europe.

    Anche l'industria delle criptovalute dell'UE ha esercitato forti pressioni durante la sessione legislativa per KEEP i token non fungibili (NFT) e la finanza decentralizzata (DeFi) fuori dall'ambito del pacchetto e potrebbe essere persino riuscita, almeno temporaneamente, a prevenire restrizioni sul miglioramento della privacy. strumenti, è stato detto a CoinDesk .

    L'AMLR

    L’UE ha fatto la storia lo scorso anno quando ha finalizzato il primo quadro normativo completo per le criptovalute da parte di una delle principali giurisdizioni. Oltre allo storico regolamento Markets in Crypto Assets (MiCA) , il blocco ha anche stabilito regole per la raccolta di informazioni sui trasferimenti di criptovalute (TFR) come parte di un regolamento antiriciclaggio (AMLR) molto più ampio.

    L’AMLR è uno sforzo ad ampio raggio da parte del blocco di 27 stati europei per combattere i flussi illeciti di fondi e l’evasione delle sanzioni. Prende di mira tutto, dai gioielli e dalle auto di lusso alle grandi squadre di calcio come potenziali veicoli per il riciclaggio di fondi e limita i pagamenti in contanti di grandi dimensioni nell’UE a 10.000 euro (10.888 dollari).

    Anche se il pacchetto antiriciclaggio T è ancora definitivo, "i principali principi politici sono stati concordati", ha detto durante una conferenza stampa giovedì Eero Heinaluoma, un membro finlandese del Parlamento europeo che guida i negoziati sul regolamento.

    Heinaluoma ha aggiunto che le discussioni tecniche sui dettagli relativi alle criptovalute – che secondo Kopitsch T implicherà tanto la modifica delle misure effettive quanto la garanzia che il testo abbia senso a livello tecnico – inizieranno venerdì.

    NFT, DeFi fuori. Strumenti per la privacy MIA?

    Mentre si discuteva animatamente sull'opportunità di includere i token non fungibili (NFT) nell'ambito del regolamento, Vyara Savova, responsabile politico senior presso il gruppo di difesa del settore, la EU Crypto Initiative, ha dichiarato durante una chiamata di mercoledì che gli asset sono probabilmente resterà fuori dal pacchetto.

    Tommaso Astazi, responsabile degli affari normativi di Blockchain for Europe, ha anche affermato che gli NFT probabilmente rimarranno fuori dall'ambito del pacchetto normativo insieme alla finanza decentralizzata (DeFi).

    "Penso che possiamo essere certi che l'ambito non è stato ampliato. L'ambito è ONE di MiCA", ha dichiarato Astazi a CoinDesk in un'intervista di giovedì. I fornitori di servizi di crittografia che rientrano nel MiCA saranno soggetti anche all'AMLR e, laddove non lo siano, nel caso della DeFi e potenzialmente degli NFT, le misure T si applicano, ha spiegato.

    Si temeva che l'AMLR cercasse di mettere fuori legge o limitare gli strumenti di anonimizzazione delle criptovalute dopo le sanzioni contro Tornado Cash, e si teme che le criptovalute venissero utilizzate da entità sanzionate come la Russia, ha affermato Marina Markezic, co-fondatrice della EU Crypto Initiative, durante un Mercoledì chiamata.

    Ma non è chiaro se le discussioni su questi strumenti siano state portate avanti dai politici o se saranno inclusi nel testo finale, ha detto Astazi giovedì.

    Stesse regole per banche e società di criptovalute?

    Secondo le parole di Heinaluoma, l'AMLR cerca di trattare i fornitori di servizi di criptovaluta allo stesso modo degli istituti di credito, con uguali obblighi per entrambi.

    "La cosa più importante è che gli stessi obblighi che sono ora in vigore e che saranno applicati in futuro per il settore bancario, vengono applicati anche per quanto riguarda le attività di criptovaluta", ha detto Heinaluoma durante la conferenza stampa di giovedì.

    "Questo è importante perché sappiamo che molti soldi passano dai pagamenti tradizionali al settore delle criptovalute", ha aggiunto.

    Secondo Kopitsch, le misure concordate applicano soglie diverse alle società di criptovaluta, alle transazioni in contanti e agli istituti finanziari per l'applicazione della due diligence della clientela.

    I testi legali mostrano che mentre tutte le entità regolamentate devono applicare la due diligence della clientela alle transazioni superiori a 10.000 euro, gli istituti finanziari e creditizi, nonché le società di criptovaluta, devono condurre controlli completi dei clienti sulle transazioni superiori a 1.000 euro, ha affermato Astazi.

    Ma è qui che le cose, secondo Astazi, differiscono.

    Le aziende crittografiche dovranno inoltre eseguire controlli di base di conoscenza del cliente (KYC) su tutte le transazioni occasionali, ovvero transazioni che avvengono al di fuori dei rapporti commerciali.

    “Per le transazioni occasionali, dovranno sempre identificare il cliente e verificarne l'identità. Ora, questo è un cambiamento", ha affermato Astazi, aggiungendo che al momento le aziende possono effettuare questo tipo di trasferimenti in alcuni Stati membri dell'UE perché le nazioni T sempre implementano in modo uniforme i requisiti AML esistenti.

    Non è esattamente una collina su cui l'industria voleva morire, soprattutto perché T avrà molta importanza per le entità completamente regolamentate, ma Kopitsch afferma che imporre soglie diverse "dimostra che il vantaggio tecnologico della tecnologia blockchain non è stato riconosciuto".

    “Come settore, possiamo convivere con l’esito finale dei negoziati antiriciclaggio poiché l’allineamento del suo ambito normativo con MiCA e TFR è stato assicurato. Questa è stata la chiave”, ha aggiunto Kopitsch.

    Anche se è difficile fornire una tempistica esatta, Savova prevede che le discussioni tecniche sull’AMLR saranno “piuttosto intense” poiché i politici sperano di avere il pacchetto pronto per l’approvazione parlamentare ad aprile, prima delle prossime elezioni.

    "Ciò significa che per noi, in quanto rappresentanti dell'industria delle criptovalute, il lavoro sull'AMLR continua a un ritmo ancora più rapido", ha affermato Savova.

    Il pacchetto normativo dovrà essere adottato formalmente dal Parlamento e dal Consiglio prima che possa entrare in vigore.

    Editor Nikhilesh De.

    Disclosure

    Si prega di notare che il nostro politica sulla privacy, termini di uso, cookies, e non vendere i miei dati personali è stato aggiornato.

    CoinDesk è un premiato media che copre l'industria delle criptovalute. I suoi giornalisti si attengono a un rigido insieme di politiche editoriali. Nel novembre 2023, CoinDesk è stato acquisito dal gruppo Bullish, proprietario di Bullish, uno scambio di attività digitali regolamentato. Il gruppo Bullish è di proprietà in maggioranza di Block.one; entrambe le società hanno interessi in una varietà di attività di blockchain e di asset digitali e detenzioni significative di asset digitali, inclusi bitcoin. CoinDesk opera come una sussidiaria indipendente con un comitato editoriale per proteggere l'indipendenza giornalistica. I dipendenti di CoinDesk, compresi i giornalisti, possono ricevere opzioni nel gruppo Bullish come parte della loro compensazione.


    Learn more about Consensus 2024, CoinDesk's longest-running and most influential event that brings together all sides of crypto, blockchain and Web3. Head to consensus.coindesk.com to register and buy your pass now.