About Ethereum

Il prezzo Ethereum è $3,146.02, una variazione del 2.38% nelle ultime 24 ore a partire dal 6:37 p.m. La recente azione del prezzo in Ethereum ha lasciato la capitalizzazione di mercato del token a $377.92B. Finora quest'anno, Ethereum ha avuto una variazione pari a 37.38%. Ethereum è classificato come Smart Contract Platform secondo il Digital Asset Classification Standard (DACS) di CoinDesk.

Ethereum è una piattaforma software basata su blockchain che può essere utilizzata per inviare e ricevere valore a livello globale con la sua criptovaluta nativa, l'etere, senza alcuna interferenza da parte di terzi. Ma può anche fare molto di più.

Proposto per la prima volta nel 2013 dal programmatore di computer russo-canadese Vitalik Buterin , Ethereum è stato progettato per espandere l'utilità delle criptovalute consentendo agli sviluppatori di creare le proprie applicazioni speciali. A differenza delle app tradizionali, queste applicazioni basate su Ethereum, chiamate “applicazioni decentralizzate” o dapps, si autoeseguono grazie all’utilizzo di contratti intelligenti.

I contratti intelligenti sono programmi basati su codice che vengono archiviati sulla blockchain Ethereum ed eseguono automaticamente determinate funzioni quando vengono soddisfatte condizioni predeterminate. Può trattarsi di qualsiasi cosa, dall'invio di una transazione quando si verifica un determinato evento al prestito di fondi una volta depositata la garanzia in un portafoglio designato. I contratti intelligenti costituiscono la base di tutte le dapp costruite su Ethereum, così come di tutte le altre dapp create su altre piattaforme blockchain.

Prezzo dell'etere

Nell'agosto 2014, Ethereum ha lanciato il suo token nativo, ether, attraverso un'offerta iniziale di monete ( ICO ). Circa 50 milioni di ETH sono stati venduti al prezzo di 0,31 dollari per moneta, raccogliendo oltre 16 milioni di dollari per il progetto.

A differenza di molte altre criptovalute, la criptovaluta di Ethereum ha un'offerta illimitata, il che significa che non c'è limite al numero di ether che possono entrare in circolazione.

Secondo il sito ufficiale del progetto, il tasso di inflazione annuale di Ether è di circa il 4,5%. I premi dei blocchi sono stati ridotti due volte da quando è stato estratto il primo blocco Ethereum . Quel blocco è noto come blocco genesi. Le riduzioni dei premi in blocco T sono programmate nel codice di Ethereum come lo sono gli eventi di dimezzamento di Bitcoin. Invece, i membri della comunità propongono modifiche, chiamate “Ethereum Improvement Proposals” o EIP, e il resto della comunità vota se includere le proposte negli aggiornamenti al codice software di Ethereum. Ecco una ripartizione del programma di emissione di Ether fino ad oggi.

  • Dal Blocco 0 al Blocco 4.369.999: 5 ether
  • Blocco da 4.370.000 a 7.280.000: 3 ether (modificato tramite EIP-649 )
  • Blocco 7.280.000 ad oggi: 2 Ether (modificato tramite EIP-1234 )

Il tasso di emissione è influenzato anche da una caratteristica nota come “bomba di difficoltà”. Si riferisce a un meccanismo che aumenta la difficoltà di mining sulla blockchain Ethereum originale (prima del passaggio alla blockchain Ethereum 2.0 proof-of-stake. Vedi sotto).

L’aumento della difficoltà di mining allunga il tempo necessario ai minatori per scoprire nuovi blocchi. Ciò significa che meno ether entra in circolazione sotto forma di premi in blocco, il che a sua volta riduce l’emissione complessiva. Questo meccanismo è stato attivato, ripristinato e ritardato più volte tra il 2017 e il 2020, principalmente perché gli sviluppatori Ethereum avevano bisogno di più tempo per lavorare sugli aggiornamenti chiave prima dell'aggiornamento 2.0 .

Dalla data di lancio ufficiale di Ether nel 2014 fino a marzo 2017, il prezzo del token è rimasto compreso tra 0,70 e 21 dollari. Fu T quando il mercato rialzista delle criptovalute del 2017 iniziò a riprendersi, nel maggio di quell'anno, che il prezzo ETH superò per la prima volta i 100 dollari. Da lì, l'ether è salito alle stelle fino al picco di 414 dollari nel giugno 2017 prima di correggere. Ci sono voluti altri cinque mesi perché lo slancio rialzista riprendesse forza. A quel punto, l’intero mercato delle criptovalute stava iniziando a subire un’enorme pressione di acquisto, che ha portato quasi tutti i token crittografici a nuovi massimi. A gennaio 2018, il prezzo di ETH ha raggiunto il picco di 1.418 dollari prima di crollare bruscamente.

Ci sono voluti circa tre anni perché la seconda criptovaluta più grande per capitalizzazione di mercato (dietro il Bitcoin) testasse nuovamente il suo precedente massimo storico. Tra febbraio e maggio 2021, il prezzo di eth è più che triplicato, raggiungendo un nuovo massimo storico di 4.379 dollari.

Come funziona Ethereum

La blockchain Ethereum è una blockchain decentralizzata e open source che facilita l'esecuzione di contratti intelligenti . Si tratta di contratti autoeseguibili con i termini dell'accordo direttamente iscritti nel codice. La criptovaluta nativa di Ethereum è Ether (ETH).

La blockchain di Ethereum comprende una sequenza di "blocchi" pieni di transazioni. Ogni transazione riflette un cambiamento nello stato della rete Ethereum , come il trasferimento di ETH da ONE utente a un altro o l'esecuzione di un contratto intelligente. In precedenza, i minatori convalidavano queste transazioni e le raggruppavano in blocchi in un processo noto come mining. Tuttavia, Ethereum è recentemente passato da un meccanismo di prova di lavoro a un modello di prova di palo , in cui i validatori ora gestiscono questo processo.

La blockchain Ethereum funziona sul consenso, il che implica che la maggioranza dei nodi (computer all'interno della rete Ethereum ) deve concordare sullo stato della rete in un dato momento. Questo consenso mantiene l'integrità del sistema e impedisce la doppia spesa, uno scenario in cui un utente potrebbe spendere la stessa criptovaluta più di una volta.

Ethereum differisce da Bitcoin nel suo concetto di conto. Mentre Bitcoin ha output di transazioni non spesi che possono essere considerati come blocchi di Bitcoin inviati ma non ancora spesi, Ethereum utilizza un sistema contabile più convenzionale con conti e saldi. I conti Ethereum sono di due tipi: conti di proprietà esterna (controllati da chiavi private) e conti contrattuali (controllati dal loro codice contratto).

Ethereum è programmabile e consente agli sviluppatori di creare ed eseguire applicazioni decentralizzate o dApp . Queste dApp sono guidate da contratti intelligenti, che facilitano l’esecuzione automatica degli accordi senza richiedere una terza parte fidata. Questa funzionalità apre la strada a varie applicazioni, tra cui la finanza decentralizzata (DeFi) , la gestione della catena di fornitura e molte altre.

Inizialmente Ethereum funzionava secondo un meccanismo di consenso proof-of-work, simile a Bitcoin. Tuttavia, con il completamento della fusione Ethereum , si è passati a un meccanismo di prova della posta in gioco. In questo modello, i validatori vengono selezionati per creare nuovi blocchi in base alla quantità di ETH che possiedono e sono disposti a "staking" come garanzia. Questa transizione ha lo scopo di migliorare la scalabilità e l’efficienza energetica della rete Ethereum .

Secondo il meccanismo di prova di stake, i validatori devono "staking" almeno 32 ETH per partecipare al processo di convalida del blocco e proteggere la rete Ethereum . Questi fondi sono bloccati in un contratto intelligente. Più ETH punta un validatore, maggiore è la probabilità che venga scelto per proporre un nuovo blocco di transazioni di dati per la conferma sulla blockchain. Quando un validatore propone un blocco e questo viene approvato da altri validatori, il validatore proponente viene premiato.

La rete Ethereum continua ad evolversi con aggiornamenti e miglioramenti proposti e implementati dalla sua comunità. Un recente aggiornamento, noto come aggiornamento di Shanghai , ha introdotto prelievi ETH in staking e diverse proposte di miglioramento Ethereum (EIP) volte a ottimizzare le tariffe Gas per gli sviluppatori.

Come funziona lo staking su Ethereum

Lo staking sulla blockchain Ethereum è un processo che fa parte del suo meccanismo di consenso, in particolare il modello Proof-of-Stake (PoS), a cui Ethereum è passato con l' Ethereum Merge.

A differenza del modello Proof-of-Work (PoW), in cui i miner risolvono complessi problemi matematici per convalidare transazioni e creare nuovi blocchi, il modello PoS sceglie invece i validatori in base al numero di token che sono disposti a "staking" o a bloccare come collaterale.

  1. Per diventare un validatore, un partecipante alla rete deve puntare una certa quantità di Ether (ETH), la criptovaluta nativa di Ethereum. Attualmente questo importo è fissato a 32 ETH.
  2. Una volta che un partecipante ha messo in staking i propri ETH, può diventare un validatore. I validatori sono responsabili di proporre nuovi blocchi da aggiungere alla blockchain e di convalidare le transazioni.
  3. Il protocollo seleziona casualmente un validatore per proporre un nuovo blocco e il blocco proposto dal validatore selezionato viene quindi controllato da altri validatori. Se la maggioranza dei validatori concorda sulla validità del nuovo blocco, questo viene aggiunto alla blockchain.
  4. I validatori sono incentivati ​​ad agire onestamente e a mantenere l'integrità della rete perché rischiano di perdere una parte, o addirittura tutto, dei loro ETH puntati se tentano di convalidare transazioni fraudolente o di agire in altro modo in modo dannoso (un processo noto come slashing).
  5. In cambio dello staking dei propri ETH e della partecipazione al processo di convalida, i validatori vengono ricompensati con ETH aggiuntivi. Questi premi si presentano sotto forma di nuovi ETH generati dall'inflazione della rete, nonché di commissioni di transazione dai blocchi convalidati.

Non tutti hanno la quantità necessaria di ETH da mettere in staking e non tutti vogliono gestire il proprio nodo di convalida a causa di requisiti tecnici. Per questi motivi sono emersi pool e servizi di staking, che consentono agli utenti di mettere insieme i propri ETH per raggiungere il minimo di staking e condividere i rendimenti.

Etere e Gas

L'Ether (ETH) è il token principale della blockchain di Ethereum e funge da "carburante" primario che alimenta tutte le attività su di essa. "Gas" si riferisce alla quantità di etere necessaria per eseguire una determinata funzione sulla rete, ad esempio:

Invio di transazioni (scambio, scambio o spostamento di token basati su Ethereum)

  • Interazione con applicazioni decentralizzate
  • Creazione di contratti intelligenti
  • Conio di token non fungibili o NFT

Quanto Gas paghi per ogni azione sulla blockchain Ethereum viene calcolato in base a due cose:

  • Costo Gas : l'energia computazionale richiesta da un'operazione su Ethereum per essere elaborata ed eseguita sulla rete. Questo è denominato in unità di Gas.
  • Prezzo Gas : la tariffa impostata dall'utente per convertire il Gas in unità di etere. Queste unità sono solitamente denominate in “gwei”, che è un’unità di Ethereum equivalente a 0,000000001 etere.

Costo di un'operazione su Ethereum = costo Gas x prezzo Gas

Contratti intelligenti

I contratti intelligenti possono essere scritti utilizzando diversi linguaggi di programmazione di alto livello come C++ e JavaScript, ma il più popolare si chiama "Solidity", creato da Gavin Wood, ONE dei cofondatori di Ethereum e primo chief technology officer del progetto.

Questi contratti devono quindi essere convertiti da linguaggi di alto livello (che gli esseri umani possono comprendere) a linguaggi di basso livello (che una macchina può comprendere). Questo perché un ambiente informatico chiamato "Ethereum Virtual Machine" o EVM è il luogo in cui tutti i contratti intelligenti vengono implementati ed eseguiti. Questo EVM è integrato in ogni nodo Ethereum completo e può eseguire più di 140 diversi codici operativi (codici operativi). Si tratta essenzialmente di istruzioni macchina che possono essere messe insieme per eseguire praticamente qualsiasi compito, a cui si riferisce il termine “Turing-complete”.

L’avvento dei contratti intelligenti ha portato alla creazione di organizzazioni autonome decentralizzate (DAO) e di un intero ecosistema finanziario decentralizzato, o “ DeFi ”, in cui è ora possibile accedere ai servizi finanziari tradizionali come i prestiti e la fornitura di assicurazioni tramite modalità peer-to-peer. dapps.

Standard dei token Ethereum

Gli standard dei token Ethereum sono i progetti per la creazione di token compatibili con la più ampia rete Ethereum . Questi includono token che possono essere scambiati tra ONE (fungibili), nonché token che sono intrinsecamente unici e non possono essere scambiati reciprocamente (NFT). Gli standard dei token Ethereum sono stati inventati dagli sviluppatori Ethereum per aiutare gli utenti a creare nuove valute digitali in modo più semplice, veloce ed economico rispetto a partire da zero.

Sebbene esistano diversi standard di token noti come "ERC" distribuiti sulla rete Ethereum , tre sono comunemente usati:

  • ERC-20: per creare token fungibili che hanno proprietà simili al Bitcoin e ad altre criptovalute tradizionali.
  • ERC-721: per creare token unici e non fungibili come gli NFT.
  • ERC-1155: uno standard multi-token utilizzato per creare token fungibili, non fungibili e semi-fungibili.

Ethereum 2.0

Ethereum 2.0, noto anche come "Serenity", è un importante aggiornamento che mira a rendere il secondo progetto crittografico più grande al mondo più veloce, più efficiente e più scalabile migrando la rete da una prova di lavoro a una prova di palo sistema.

Soprannominato "Casper", il nuovo sistema Proof-of-Stake (PoS) di Ethereum prevede che gli utenti della rete blocchino le loro monete per diventare contributori della rete, invece di utilizzare apparecchiature minerarie costose e ad alta intensità energetica. Ogni staker è tenuto a bloccare 32 ether o ad unirsi a uno staking pool e combinare il proprio ether con altri per partecipare alla creazione di nuovi blocchi sulla blockchain Ethereum PoS. L'aggiornamento Ethereum 2.0 si sta svolgendo in più fasi. Quelli iniziali includono:

  • Fase 0: catena di beacon e lancio proof-of-stake
  • Fase 1: Unire la vecchia e la nuova blockchain Ethereum
  • Fase 2: Introduzione delle catene “shard” e della tecnologia roll-up
  • Fase 3: miglioramenti della sicurezza

La Fase 0 è stata lanciata a dicembre 2020 e Beacon è una blockchain Ethereum separata che ha introdotto un sistema proof-of-stake. È anche responsabile della creazione di nuovi blocchi, della verifica delle transazioni, dello staking dei premi e della gestione delle nuove blockchain Ethereum chiamate "catene di shard".

Nella prossima importante fase di sviluppo, la catena Beacon di Ethereum sarà collegata alla rete principale Ethereum e sostituirà l'attuale sistema di prova di lavoro ad alta intensità energetica con la prova di posta in gioco. Le parti interessate della rete note come "validatori" inizieranno a produrre blocchi, verificare le transazioni e gestire la sicurezza della blockchain al posto dei minatori dopo la fusione di Ethereum ed ETH 2.0.

Dopo la fusione saranno necessari ulteriori aggiornamenti più piccoli. Il prossimo compito per gli sviluppatori Ethereum sarà abilitare lo sharding, che crea più mini-blockchain. Ogni frammento sarà responsabile della verifica del proprio insieme di transazioni anziché dell’intera rete che verifica ogni singola transazione. La catena Beacon fungerà da coordinatore principale tra questi frammenti, assegnando casualmente i validatori a ciascuno.

Con PoS e sharding entrambi abilitati, gli sviluppatori Ethereum si aspettano di apportare ulteriori modifiche per migliorare la sicurezza della rete. Ciò include l’aggiunta di funzionalità di anonimato per nascondere le identità dei validatori dietro le proposte di blocco. Include anche lo sfruttamento di nuove tecnologie come la Verifying Delay Function (VDF) per garantire ulteriormente la casualità delle assegnazioni dei validatori e rendere più difficile per gli autori malintenzionati interrompere la rete.

Eventi chiave e gestione

Come accennato in precedenza, Ethereum è stato originariamente concepito da Buterin, il programmatore di computer russo-canadese. A quel tempo Buterin aveva solo 19 anni.

Nel novembre 2013 ha pubblicato il white paper Ethereum , un documento tecnico che delineava la visione e la tecnologia alla base del progetto proposto. Un mese dopo, Buterin chiese all’israeliano-americano Amir Chetrit di unirsi al suo progetto. I due avevano lavorato insieme su un progetto separato chiamato “ Colored Coins ” – che successivamente ha gettato le basi per il mercato NFT.

Non molto tempo dopo aver pubblicato il white paper, Buterin ha partecipato a una conferenza Bitcoin a Miami, dove ha incontrato numerosi sviluppatori e investitori interessati che hanno aderito al progetto Ethereum come co-fondatori. Tra questi c'erano Mihai Alisie, Anthony Di Iorio e Charles Hoskinson

Joseph Lubin, Jeffrey Wilcke e Wood furono presentati in seguito come gli ultimi tre cofondatori del progetto. Insieme, il team di otto membri ha formato un'entità nota come Ethereum Foundation, un'organizzazione no-profit con sede in Svizzera. Una disputa tra Hoskinson e Buterin sulla questione se Ethereum debba essere una società a scopo di lucro, ha portato Hoskinson ad abbandonare il progetto.

Nel corso di pochi anni, tutti e sette i cofondatori si sono dimessi o si sono staccati da Ethereum, lasciando Buterin come ultimo cofondatore attivo rimasto.

Il protocollo Ethereum è stato lanciato ufficialmente nel 2015 ed è rapidamente diventato la seconda criptovaluta più grande al mondo per valore di mercato dietro Bitcoin.

Read less...
Sponsor LogoEtoro - Crypto, stocks, and beyond
Cryptoassets are highly volatile and unregulated in some EU countries and the UK. No consumer protection. Tax on profits may apply.

Ethereum Market Stats

Market Cap
$377.92B
24H Volume
N/A
Max Supply
N/A
Total Supply
120.13M
24H Value Transacted
N/A
30D Volatility
0.49575600
24H Transaction Count
1.02M
24H Average Transaction Fee
$1.80


Crypto Sectors

Sectors
Ethereum (ETH)
is not in the CoinDesk DACS 500.
Ethereum
Top assets in Sector
  • Assets
    Weight
    24H%
Source: Coindesk DACS monthly update

CoinDesk Indices

View All
Top Indices including Ethereum
Logo
Index nameTickerWeight24H

Bitcoin Calculator

Last Updated on 05/20/24 6:37 PM

CoinDesk’s Bitcoin and Cryptocurrency Calculator determines the exchange rates between major fiat currencies and cryptocurrencies – including BTC, BCH, ETH and XRP to USD, EUR, GBP, IDR and NGN – with up to six decimal places of accuracy. Conversion rates are based on CoinDesk’s Bitcoin Price Index and the price indices of other digital assets. World currency prices are based on rates obtained via Open Exchange Rates.