Gli scambi di criptovalute indonesiani attribuiscono il drammatico calo dei volumi di scambio in parte alle tasse elevate

Gli scambi Cripto indonesiani hanno registrato un calo del 60% nei volumi degli scambi nel 2023, mettendo in discussione la loro reputazione di rapidi utilizzatori di risorse digitali.

AccessTimeIconJan 17, 2024 at 9:23 a.m. UTC
Updated Mar 9, 2024 at 1:58 a.m. UTC
  • Nel 2023, gli scambi di criptovalute indonesiani hanno visto il volume delle transazioni diminuire del 60% rispetto all'anno precedente.
  • Gli scambi locali attribuiscono il calo in parte alle imposte sul reddito e all'IVA, che si applicano alle criptovalute nel paese poiché vengono trattate come materie prime.
  • Riformulare le criptovalute come titoli potrebbe eliminare parte del carico fiscale e riportare indietro gli utenti, sperano gli scambi locali.
  • U.S. Crypto Tax Proposal Will Provide Greater 'Clarity' in Sector: Tax Expert
    00:26
    U.S. Crypto Tax Proposal Will Provide Greater 'Clarity' in Sector: Tax Expert
  • How to Navigate the Treasury Department’s Crypto Tax Proposal
    08:20
    How to Navigate the Treasury Department’s Crypto Tax Proposal
  • U.S. Crypto Tax Proposal Lets Miners off the Hook, Snares ‘Some’ Decentralized Exchanges
    07:39
    U.S. Crypto Tax Proposal Lets Miners off the Hook, Snares ‘Some’ Decentralized Exchanges
  • Why Investors Are Waiting For a U.S. Crypto Tax Rule Revamp
    05:24
    Why Investors Are Waiting For a U.S. Crypto Tax Rule Revamp
  • L'Indonesia, ONE dei paesi che ha adottato più rapidamente criptovalute al mondo, ha registrato un drammatico crollo del 60% nel volume delle transazioni sugli scambi nel 2023 rispetto all'anno precedente - e il settore afferma che le tasse elevate potrebbero essere ONE fattori che allontanano i trader.

    In Indonesia, le criptovalute sono trattate come materie prime e sono soggette all’imposta sul reddito e all’imposta sul valore aggiunto (IVA). I principali scambi di criptovalute in Indonesia affermano che la somma delle tasse totali pagate su ciascuna transazione può superare le commissioni di negoziazione addebitate dagli scambi per le transazioni. Il settore teme che il pesante fardello delle tasse e delle commissioni di negoziazione sui trader possa scoraggiarli dall’acquistare criptovalute.

    Ad esempio, secondo Oscar Darmawan, amministratore delegato dell'exchange di criptovalute INDODAX, gli utenti di criptovalute sono soggetti a un'imposta sul reddito dello 0,1% e a un'IVA dello 0,11% su ogni transazione crittografica. Gli scambi devono anche pagare una commissione dello 0,04% alla nuova borsa nazionale delle criptovalute , ha aggiunto.

    "Ciò comporta un onere finanziario significativo per l'industria crittografica nazionale", ha dichiarato Darmawan a CoinDesk Indonesia durante un'intervista.

    Una duplice soluzione

    Alcuni nel settore locale delle criptovalute sostengono che trattare le criptovalute come titoli anziché come materie prime eliminerebbe alcuni oneri fiscali sugli utenti.

    "Sia le azioni che le criptovalute sono beni negoziabili con potenziale di profitto... Pertanto, implementare lo stesso regime fiscale per entrambi questi strumenti di investimento sarebbe più equo e coerente", ha detto a CoinDesk Indonesia Yudhono Rawis, CEO della piattaforma di scambio Tokocrypto.

    Ma questo cambiamento è già previsto. Nel gennaio 2025, la supervisione delle criptovalute in Indonesia verrà trasferita dall'autorità di regolamentazione delle materie prime del paese alla Financial Services Authority (OJK).

    Reku , Tokocrypto e INDODAX, considerati i principali scambi in Indonesia, concordano tutti che l'IVA potrebbe essere rimossa una volta che la supervisione passerà a OJK e le criptovalute saranno potenzialmente classificate come titoli.

    Fino ad allora, non è chiaro come gli scambi locali resisteranno a ulteriori cali di volume.

    Editor Sandali Handagama.

    Disclosure

    Si prega di notare che il nostro politica sulla privacy, termini di uso, cookies, e non vendere i miei dati personali è stato aggiornato.

    CoinDesk è un premiato media che copre l'industria delle criptovalute. I suoi giornalisti si attengono a un rigido insieme di politiche editoriali. Nel novembre 2023, CoinDesk è stato acquisito dal gruppo Bullish, proprietario di Bullish, uno scambio di attività digitali regolamentato. Il gruppo Bullish è di proprietà in maggioranza di Block.one; entrambe le società hanno interessi in una varietà di attività di blockchain e di asset digitali e detenzioni significative di asset digitali, inclusi bitcoin. CoinDesk opera come una sussidiaria indipendente con un comitato editoriale per proteggere l'indipendenza giornalistica. I dipendenti di CoinDesk, compresi i giornalisti, possono ricevere opzioni nel gruppo Bullish come parte della loro compensazione.


    Learn more about Consensus 2024, CoinDesk's longest-running and most influential event that brings together all sides of crypto, blockchain and Web3. Head to consensus.coindesk.com to register and buy your pass now.