I suprematisti bianchi si appoggiano alle criptovalute, afferma il rapporto della Lega antidiffamazione sugli estremisti

Il rapporto afferma che i gruppi suprematisti bianchi sono attratti dai finanziamenti legati Cripto , ma gli importi sono relativamente piccoli e T dimostra che le risorse digitali stiano pagando per attività illegali.

AccessTimeIconJan 12, 2024 at 1:17 p.m. UTC
Updated Mar 8, 2024 at 8:05 p.m. UTC

I gruppi suprematisti bianchi negli Stati Uniti sono stati talvolta finanziati dalle criptovalute, secondo un rapporto dell'Anti-Defamation League (ADL) che ha analizzato lo scorso anno circa 140.000 dollari in transazioni collegate a 15 gruppi o individui estremisti.

L'ADL, un gruppo di difesa con sede a New York che contrasta l'antisemitismo e l'estremismo, si è concentrato sul movimento del Bitcoin e ha visto che i sostenitori utilizzavano un'ampia gamma di piattaforme di risorse digitali per ottenere denaro nelle mani di gruppi che incitano all'odio, sebbene non vi fosse alcuna affermazione che il denaro è stato utilizzato direttamente per azioni illegali, come il terrorismo interno. E la revisione ha suggerito che i Bitcoin ricevuti dai sostenitori venivano spesso reintrodotti nel sistema finanziario tradizionale tramite le banche statunitensi.

  • SEC Asking for Ether ETF Filings Update Is 'Somewhat Surprising': Legal Expert
    00:38
    SEC Asking for Ether ETF Filings Update Is 'Somewhat Surprising': Legal Expert
  • MOG Rallies on Anticipation of Spot Ether ETF Approval
    00:56
    MOG Rallies on Anticipation of Spot Ether ETF Approval
  • Ether Jumps on Spot ETF Hopes; Hex Trust Issues Stablecoin on Flare
    01:59
    Ether Jumps on Spot ETF Hopes; Hex Trust Issues Stablecoin on Flare
  • 'Sky Is the Limit' for Bitcoin: Expert
    00:53
    'Sky Is the Limit' for Bitcoin: Expert
  • "Gli estremisti si sono sempre più rivolti alle criptovalute a causa dell'errata convinzione che la tecnologia offra anonimato e sia impermeabile al deplatforming", osserva il rapporto del Centro sull'estremismo dell'ADL, esaminando come gli asset sono finiti nelle mani dei nazionalisti bianchi. "Nessuna di queste ipotesi è accurata, ma gli estremisti hanno beneficiato delle pratiche indulgenti delle piattaforme di criptovaluta, che spesso consentono agli estremisti di utilizzare i loro servizi."

    Secondo il rapporto, circa la metà delle transazioni tracciate dall'ADL sono passate attraverso l'exchange statunitense Kraken, mentre altre attraverso Binance, Coinbase e altre piattaforme. Il più grande beneficiario è stata l’operazione editoriale nazionalista bianca Counter-Currents .

    L'ADL raccomanda alle società di criptovaluta di "aggiornare le loro politiche per vietare esplicitamente l'uso dei loro scambi di criptovaluta per finanziare attività legate all'odio e all'estremismo". Ha inoltre suggerito che le autorità di regolamentazione dovrebbero limitare i token che mirano a proteggere la privacy.

    "Sono necessarie una vigilanza continua nel settore delle criptovalute, così come in altri spazi tecnologici finanziari, e una moderazione responsabile da parte delle piattaforme sottostanti, per combattere gli elementi finanziari di questo aumento di antisemitismo, estremismo e odio", ha concluso l'organizzazione nel suo rapporto.

    L'industria Cripto ha già dovuto affrontare danni alla sua reputazione a causa delle notizie secondo cui i token venivano utilizzati per sostenere il terrorismo , come gli attacchi di Hamas in Israele. Sebbene questo studio si sia concentrato su un numero relativamente piccolo di estremisti nazionali e sull’uso di ONE Criptovaluta, solleva interrogativi sulla relazione in corso tra le innovazioni finanziarie e l’estremismo.

    Gli scambi respingono

    Da parte loro, gli scambi di criptovalute sostengono di combattere l'illegalità e che le transazioni di criptovaluta vengono spesso condotte in bella vista, a differenza del settore bancario.

    Un portavoce di Kraken ha detto che la società è delusa dal fatto che ADL abbia scritto il suo rapporto "senza impegnarci in alcun dialogo" sulle sue politiche di conoscenza del cliente e sulle protezioni contro il riciclaggio di denaro.

    "Kraken è vigile nel far rispettare queste politiche e nell'adottare misure proattive per impedire che i servizi di Kraken vengano utilizzati come veicolo per il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo o qualsiasi altra attività illecita", ha affermato il portavoce in una nota.

    Allo stesso modo, Faryar Shirzad, Chief Policy Officer di Coinbase, ha risposto che la società "non tollera alcuna attività illegale, di qualsiasi dimensione, su o utilizzando l'exchange Coinbase", aggiungendo che "i nostri termini di servizio lo chiariscono".

    Shirzad ha affermato che l'exchange statunitense è soggetto a "regole chiare [antiriciclaggio] e sanzioni che si applicano a fiat e criptovalute". Ha detto che il rapporto ha commesso un errore nel suo "incapacità di differenziare gli scambi statunitensi rispettosi della legge e regolamentati dalle società offshore che sono servite come principali hub per attività illegali", e ha aggiunto che il caso è ancora il mezzo preferito per i criminali che "vogliono evitare il natura trasparente della blockchain."

    Sebbene le società di criptovaluta abbiano difeso i loro sforzi per scongiurare l'illegalità, il rapporto T ha formulato accuse specifiche riguardo al denaro che finanzia attività illecite.

    I gruppi estremisti fanno affidamento anche sul sistema finanziario tradizionale, dai pagamenti online alle carte di credito fino ai conti bancari, dove la trasparenza utilizzata dall'ADL nella sua revisione T è disponibile al pubblico. Ma bandire questi gruppi dalla rete finanziaria tradizionale tende a sollevare problemi di censura.

    Banche come JPMorgan Chase & Co. hanno donato ingenti somme di denaro a gruppi anti-odio, tra cui l’Anti-Defamation League. Ma i programmi interni delle banche per esaminare i clienti che hanno legami con organizzazioni estremiste sono difficili da valutare dall'esterno.

    Editor Nikhilesh De.

    Disclosure

    Si prega di notare che il nostro politica sulla privacy, termini di uso, cookies, e non vendere i miei dati personali è stato aggiornato.

    CoinDesk è un premiato media che copre l'industria delle criptovalute. I suoi giornalisti si attengono a un rigido insieme di politiche editoriali. Nel novembre 2023, CoinDesk è stato acquisito dal gruppo Bullish, proprietario di Bullish, uno scambio di attività digitali regolamentato. Il gruppo Bullish è di proprietà in maggioranza di Block.one; entrambe le società hanno interessi in una varietà di attività di blockchain e di asset digitali e detenzioni significative di asset digitali, inclusi bitcoin. CoinDesk opera come una sussidiaria indipendente con un comitato editoriale per proteggere l'indipendenza giornalistica. I dipendenti di CoinDesk, compresi i giornalisti, possono ricevere opzioni nel gruppo Bullish come parte della loro compensazione.


    Learn more about Consensus 2024, CoinDesk's longest-running and most influential event that brings together all sides of crypto, blockchain and Web3. Head to consensus.coindesk.com to register and buy your pass now.