Bitcoin scende del 2% a causa dell'inflazione statunitense più forte del previsto

La lettura dell’IPC di gennaio ha ridotto le aspettative di tagli dei tassi di interesse nei prossimi mesi, gravando su asset rischiosi come le Cripto.

AccessTimeIconFeb 13, 2024 at 3:03 p.m. UTC
Updated Feb 13, 2024 at 7:34 p.m. UTC
  • Il Bitcoin è sceso a 48.800 dollari quando il rapporto dell’indice dei prezzi al consumo di gennaio ha mostrato un’inflazione annua del 3,1%, superiore alle previsioni degli analisti.
  • Le aspettative di un taglio dei tassi a maggio sono scese dal 52% al 34%, come mostra il FedWatch Tool del CME.
  • L'inflazione "brutta" è stata dannosa nel breve termine, ma T "smorzerà l'umore" nei Mercati Cripto , ha affermato Craig Erlam di OANDA.

Martedì Bitcoin (BTC) è sceso sotto i 49.000 dollari dopo che un dato sull'inflazione statunitense più caldo del previsto ha pesato sulle aspettative di taglio dei tassi di interesse.

La più grande Cripto per capitalizzazione di mercato è scesa di circa il 2% a 48.700 dollari da poco sopra i 50.000 dollari di inizio giornata, mentre l'indice Cripto ad ampio mercato CoinDesk 20 ( CD20 ) ha perso il 2,4%.

Nel corso della giornata, le criptovalute hanno attenuato alcuni dei ribassi con BTC in recupero a 49.100 dollari, ma la maggior parte dei componenti del CD20 erano ancora in ribasso del 2%-3% nelle ultime 24 ore. Il token nativo di Solana (SOL) ha resistito meglio, guadagnando oltre l'1% nello stesso periodo, mentre BTC è sceso dell'1,5%.

Le azioni focalizzate sulle criptovalute quotate negli Stati Uniti hanno subito un crollo all'apertura Mercati , ma hanno recuperato parte delle perdite più tardi nel pomeriggio. Le azioni di Coinbase (COIN) e MicroStrategy sono scese di circa il 3% rispetto al prezzo di chiusura di lunedì, mentre i grandi minatori BTC Marathon (MARA) e Riot Platforms (RIOT) sono rispettivamente del 5% e del 2%.

Il calo dei prezzi è avvenuto dopo che il rapporto dell'indice dei prezzi al consumo (CPI) di gennaio ha mostrato un'inflazione del 3,1% su base annua, più veloce rispetto alle previsioni del 2,9% degli analisti. Secondo il FedWatch Tool del CME, gli operatori di mercato vedono ora solo il 34% di possibilità che la Federal Reserve tagli i tassi di interesse a maggio, in calo rispetto al 52% di un giorno fa.

La minore possibilità di imminenti tagli dei tassi ha pesato anche sui Mercati tradizionali. Il rendimento BOND del Tesoro USA a 10 anni è aumentato di 12 punti base, mentre l’indice azionario S&P 500 e l’indice Nasdaq Composite, ad alto contenuto tecnologico, sono scesi fino al 2%.

"Questo non è il rapporto sull'inflazione che la Federal Reserve voleva vedere e i Mercati hanno risposto di conseguenza", ha detto in una nota di martedì Craig Erlam, analista senior della piattaforma di brokeraggio online OANDA.

Ha sottolineato che i trader ora scontano solo tre tagli dei tassi (75 punti base) per il 2024, un calo significativo rispetto ai 175 punti base del mese scorso, ma suggerisce che i timori sull’inflazione potrebbero essere diventati eccessivamente pessimistici.

"Mentre i Mercati sembravano essere posizionati in modo troppo ottimistico il mese scorso, mi chiedo se il pendolo ora non abbia oscillato troppo nella direzione opposta", ha detto Erlam. "Abbiamo ancora assistito a progressi sostanziali sul fronte dell'inflazione e mi aspetto che ne vedremo di più nei prossimi mesi."

Erlam ha osservato che la lettura "cattiva" dell'inflazione è arrivata in un momento sfortunato per Bitcoin e ha "tirato il tappeto" il suo Rally proprio quando lunedì ha superato il livello di 50.000 dollari per la prima volta da dicembre 2021.

"Sebbene sia dannoso nel breve periodo, T credo che smorzerà troppo l'umore nel settore Cripto ", ha aggiunto.

AGGIORNAMENTO (13 febbraio, 19:33 UTC): aggiorna l'azione dei prezzi. Aggiunge il commento dell'analista.

Edited by Sheldon Reback.

Disclosure

Si prega di notare che il nostro politica sulla privacy, termini di uso, cookies, e non vendere i miei dati personali è stato aggiornato.

CoinDesk è un premiato media che copre l'industria delle criptovalute. I suoi giornalisti si attengono a un rigido insieme di politiche editoriali. In November 2023, CoinDesk è stato acquisito dal gruppo Bullish, proprietario di Bullish, uno scambio di attività digitali regolamentato. Il gruppo Bullish è di proprietà in maggioranza di Block.one; entrambe le società hanno interessi in una varietà di attività di blockchain e di asset digitali e detenzioni significative di asset digitali, inclusi bitcoin. CoinDesk opera come sussidiaria indipendente con un comitato editoriale per proteggere l'indipendenza giornalistica. CoinDesk offre a tutti i dipendenti sopra una certa soglia di salario, inclusi i giornalisti, opzioni su azioni nel gruppo Bullish come parte della loro compensazione.


Learn more about Consensus 2024, CoinDesk's longest-running and most influential event that brings together all sides of crypto, blockchain and Web3. Head to consensus.coindesk.com to register and buy your pass now.