La DeFi ha perso il suo vantaggio post-FTX nel 2023, ma c’è ancora speranza per il 2024

I principali fattori indicano che questo potrebbe essere un anno di svolta per le infrastrutture decentralizzate, scrive Rachel Lin, CEO di SynFutures.

AccessTimeIconJan 16, 2024 at 7:51 p.m. UTC
Updated Mar 8, 2024 at 8:14 p.m. UTC

Il 2023 avrebbe dovuto essere il momento in cui la finanza decentralizzata (DeFi) avrebbe dovuto brillare. Alla fine del 2022, l'implosione di FTX ha portato a una NEAR corsa agli sportelli sugli scambi centralizzati (CEX) e a una fuga verso la trasparenza delle alternative DeFi.

Rachel Lin è CEO di SynFutures, una piattaforma di trading di derivati ​​decentralizzata. In precedenza ha lavorato nella divisione mercati globali presso Deutsche Bank, dove si è specializzata in derivati, ed è anche socio fondatore di Matrixport, ONE delle più grandi neo-banche crittografiche dell'Asia.

Ma la DeFi T era pronta. Ha armeggiato con il passaggio del testimone. L’infrastruttura immatura e l’interfaccia utente/UX eccessivamente complessa hanno fatto sì che la DeFi T fosse ben posizionata per sfruttare al massimo l’evento del “cigno nero” della finanza centralizzata (CeFi).

Tuttavia, non c’è motivo di ritenere che questa fosse ONE’ unica possibilità della DeFi. C’è ancora molta speranza per la DeFi. In effetti, importanti fattori indicano che il 2024 potrebbe essere l’anno in cui assisteremo a una vera svolta.

Il 2023 poco brillante della DeFi

Il valore totale bloccato (TVL) della DeFi ha oscillato per lo più lateralmente nel 2023. Sulla base dei dati di DefiLlama.com , il TVL della DeFi ha iniziato l'anno a circa 38 miliardi di dollari e ha raggiunto un picco di quasi 53 miliardi di dollari ad aprile. Questo rispetto al massimo storico di 175 miliardi di dollari nel novembre 2021. Al momento in cui scrivo, DeFi TVL si aggira intorno alla soglia dei 46 miliardi di dollari.

Non c’è da stupirsi che sia facile sostenere che la DeFi abbia sprecato la sua opportunità. FTX ha lasciato la porta aperta ai nuovi entranti, ma la DeFi è stata colta di sorpresa e completamente impreparata ad affrontare il potenziale afflusso di volumi di scambio che improvvisamente era in palio.

Una parte enorme di questa colpa è attribuita alla scarsa UI/UX della DeFi. È vero, le complesse interfacce della maggior parte delle piattaforme DeFi sono navigabili solo da trader esperti. I processi altamente manuali creano elevate barriere all’ingresso. Un utile sondaggio di Uniswap , pubblicato nel maggio 2023, ha mostrato che il 42% degli utenti esclusivamente CeFi intervistati era riluttante ad esplorare la DeFi a causa della lacuna di conoscenza.

Tuttavia, lo stesso sondaggio ha anche mostrato che la difficoltà principale per gli utenti sia di DeFi che di CeFi è in realtà il prezzo e l’esecuzione non competitivi; Il 45% degli intervistati di questo gruppo lo ha identificato come un problema.

Essenzialmente, ciò si riduce al problema della scarsa efficienza del capitale e della liquidità della DeFi. Senza entrare troppo negli aspetti tecnici, i modelli di order book centralizzati sono infinitamente più efficienti dell’approccio DeFi, ma mancano di trasparenza. Con tali modelli, è molto facile per la casa scommettere contro i propri utenti e persino appropriarsi indebitamente dei fondi degli utenti.

Invece, le piattaforme DeFi tendono a optare per i market maker automatizzati (AMM), che tuttavia finora hanno faticato a competere con l’ambiente di trading più efficiente che i CEX possono offrire. Sebbene l’approccio on-chain degli AMM offra una migliore trasparenza, questi modelli faticano a gestire un elevato slittamento quando la liquidità è bassa, il che è un anatema per gli investitori.

Tuttavia, si stanno facendo progressi su tutti questi fronti, il che dà a me, e a molti altri, Optimism per il 2024.

L'anno della DeFi

Verso la fine del 2023, l'interesse generale per il mercato delle criptovalute, sia al dettaglio che istituzionale, è di nuovo in ripresa, guidato in gran parte dalla WIN di Greyscale sulla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, che ha aperto la strada allo scambio spot Bitcoin -fondi negoziati (ETF) da lanciare.

SingleQuoteLightGreenSingleQuoteLightGreen
La DeFi sarà in grado di competere su un piano più equilibrato con CeFi
SingleQuoteLightGreenSingleQuoteLightGreen

Questo Optimism si sta diffondendo anche nella DeFi. L’entusiasmo attorno agli ETF implica che i partecipanti professionisti al mercato siano più che benvenuti nel settore delle criptovalute e potrebbero effettivamente essere ricercati per stabilizzare e legittimare criptovalute e DeFi.

Gli operatori della finanza tradizionale (TradFi) stanno accelerando il loro coinvolgimento nella finanza criptata, e non solo sotto forma di ETF. Standard Chartered ha recentemente lanciato una piattaforma di tokenizzazione, Libeara , e ONE dei primi asset predisposti per la tokenizzazione è un fondo BOND governativo regolamentato in dollari di Singapore.

Aspettatevi che tali iniziative di criptofinanza di alto livello aumentino nel 2024. Sebbene si tratti di una mossa TradFi centralizzata, la più ampia credibilità che tali notizie si estendono alla finanza crittografica in generale non è una cosa negativa per la DeFi.

Tornando al lato Web3 nativo, i rollup e le soluzioni di scalabilità a conoscenza zero stanno guadagnando sempre più terreno. Sempre più protocolli vengono implementati su queste soluzioni di scaling L2, espandendo l’utilizzo di una soluzione importante per le tariffe elevate Gas e i continui problemi di efficienza infra-livello.

Possiamo aspettarci che queste soluzioni maturino ed espandano la loro presenza nel 2024, un grande vantaggio per la DeFi. Con tariffe più basse e una maggiore capacità di rete, la DeFi sarà in grado di competere su un piano più equilibrato con la CeFi.

Inoltre, sono già in corso importanti progressi nel combinare i punti di forza dei modelli di portafoglio ordini e degli AMM, un progresso su cui personalmente sono molto ottimista. Integrazioni e innovazioni in quest'area stanno offrendo soluzioni credibili ai problemi di efficienza del capitale e della liquidità della DeFi, in particolare con l'introduzione di registri degli ordini on-chain.

Tali modelli combinano l’affidabilità di un approccio on-chain con l’efficienza del capitale degli ordini. Possiamo aspettarci che scambi più decentralizzati esplorino e introducano questi modelli nel 2024, affrontando così ONE dei principali ostacoli all’adozione mainstream.

Un altro punto da notare è che il tasso di consumo di denaro dei team DeFi è significativamente inferiore a quello dei loro colleghi CeFi. Poiché i processi on-chain svolgono la maggior parte del lavoro quotidiano, i team DeFi tendono a rimanere più piccoli e quindi hanno ancora una quantità significativa di polvere da schierare nell’attuale mercato ribassista.

È possibile che il contesto di raccolta fondi rimanga difficile fino al 2024, mentre i volumi complessivi degli scambi rimangono bassi e influiscono sulle entrate basate sulle commissioni. Insieme, questi fattori rappresentano una sfida maggiore per le società finanziarie centralizzate rispetto ai progetti più piccoli e decentralizzati.

In poche parole, la DeFi è più adatta a resistere a inverni profondi e prolungati, il che le conferisce un vantaggio poiché il mercato impiega tempo per riprendersi.

In breve, la DeFi T è ancora fuori gioco. Anche se il 2023 potrebbe essere stato deludente, T è stata la fine del percorso. Per ora la DeFi è ancora in ritardo rispetto alla CeFi, ma ci sono ragioni per credere che la prima potrebbe recuperare terreno, e rapidamente, nel 2024. Tutti hanno costruito in background, portando la propria infrastruttura interna alla pari e stabilendo e approfondendo significative partnership industriali.

Credo fermamente che il 2024 sarà l'anno della DeFi e T vedo l'ora di vedere cosa riserva il NEAR futuro.

Disclosure

Si prega di notare che il nostro politica sulla privacy, termini di uso, cookies, e non vendere i miei dati personali è stato aggiornato.

CoinDesk è un premiato media che copre l'industria delle criptovalute. I suoi giornalisti si attengono a un rigido insieme di politiche editoriali. Nel novembre 2023, CoinDesk è stato acquisito dal gruppo Bullish, proprietario di Bullish, uno scambio di attività digitali regolamentato. Il gruppo Bullish è di proprietà in maggioranza di Block.one; entrambe le società hanno interessi in una varietà di attività di blockchain e di asset digitali e detenzioni significative di asset digitali, inclusi bitcoin. CoinDesk opera come una sussidiaria indipendente con un comitato editoriale per proteggere l'indipendenza giornalistica. I dipendenti di CoinDesk, compresi i giornalisti, possono ricevere opzioni nel gruppo Bullish come parte della loro compensazione.


Learn more about Consensus 2024, CoinDesk's longest-running and most influential event that brings together all sides of crypto, blockchain and Web3. Head to consensus.coindesk.com to register and buy your pass now.